Anche la dieta materna protegge dalle malformazioni congenite

Una dieta corretta avrebbe un effetto protettivo sull’insorgenza di alcune delle più comuni malformazioni congenite, come i difetti del tubo neurale (tra i quali è compresa la spina bifida) e la palatoschisi. Lo suggeriscono i risultati del National Birth Defects Prevention Study, effettuato in 10 centri specialistici negli Stati Uniti e condotto tramite interviste telefoniche sulle abitudini dietetiche. Il campione analizzato era composto da donne che tra ottobre 1997 e dicembre 2005  avevano dato alla luce 936 neonati con un difetto del tubo neurale e 2.475 con palatoschisi. E’ stato individuato e sottoposto a intervista anche un gruppo di controllo di 6.147 neonati.

Per stabilire la qualità della dieta sono state utilizzate due scale con punteggi standardizzati, uno che stabiliva l’adesione a un modello ideale di dieta mediterranea (Mediterranean Diet Score, MDS) e uno che determinava la qualità della dieta in base alla sua composizione (Diet Quality Index, DQI). E’ risultato che punteggi elevati si associavano a una riduzione del rischio di malformazioni congenite.

In gravidanza quindi, per prevenire alcune malattie congenite, può essere utile, oltre all’assunzione di acido folico, anche la scelta di alimenti ricchi di vitamine, come la verdura e la frutta fresca, abbondanti nella dieta mediterranea.

 

Bibliografia: Carmichael SL, Yang W, et al for the National Birth Defects Prevention Study. Reduced risks of neural tube defects and orofacial clefts with higher diet quality. Arch Pediatr Adolesc Med 2012;166:121-6.

e-mail: scarmichael@stanford.edu


StampaStampa

Altri post in studi e ricerche...

Lascia un Commento