Quali provvidenze economiche spettano a un maggiorenne invalido?

Al raggiungimento della maggiore età di norma si chiede un nuovo accertamento d’invalidità civile (per le eccezioni leggi “A diciotto anni occorre ripetere l’accertamento?“). Nel caso di invalidità civile il verbale riporterà una percentuale d’invalidità.

Il maggiorenne deveripetere accertamento?

In base alla percentuale e al reddito lordo personale annuo sono previste determinate provvidenze economiche:

– dal 74% al 99% si ha diritto all’Assegno mensile, per tredici mensilità

– con il 100%  si ha diritto alla Pensione d’inabilità, per tredici mensilità

Nel caso in cui oltre che invalida al 100%, la persona sia stata riconosciuta “con necessità di assistenza continua” o “con impossibilità a deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore”, le spetta anche l’indennità di accompagnamentoindipendentemente dal reddito.

 

Analoghe prestazioni spettano in caso di cecità e sordità:

Pensione per ciechi assoluti

– Indennità speciale per ciechi parziali

– Pensione per ciechi parziali

– Indennità di accompagnamento per ciechi assoluti

Pensione per sordi

Indennità di comunicazione  (indipendente da età* e reddito)

*Minore di 12 anni: l’ipoacusia deve essere pari o superiore a 60 decibel HTL di media fra le frequenze 500, 1000, 2000 hertz nell’orecchio migliore; Maggiore di 12 anni: l’ipoacusia deve essere pari o superiore a 75 decibel. Viene inoltre richiesto di dimostrare che l’insorgenza dell’ipoacusia è precedente ai 12 anni

NB: Alcune prestazioni sono incompatibili con i ricoveri. Per una panoramica completa: http://www.handylex.org

Aggiornato al: 23-10-2020


StampaStampa

Leggi anche...