La parola ai bambini

Giancretino e io

Recensione Libro

Giancretino e io è, fin dalla copertina, una promessa di sollazzo. La grafica spiritosa (con tanto di prezzo del libro sul rotolo di carta igienica!) e il titolo irriverente preludono infatti a una lettura vivace che, senza bisogno di inventare chissà che, sa cosa vuol dire divertire e coinvolgere. Merito di una lingua schietta, di un’ironia tagliente e della straordinaria capacità dell’autore di cogliere gli spunti più invitanti che la realtà quotidiana offre. Il marchio di fabbrica di Cuvellier sta proprio qui: nell’afferrare il lato buffo delle cose e delle persone e nel renderlo con un’efficacia e una spontaneità davvero rare.

Qui, per esempio, l’autore si diletta a fotografare l’interminabile giornata di Beniamino alla prese con il vicino Gianfelice Monton, significativamente rinominato Giancretino. Il desiderio delle rispettive mamma di assistere al concerto di Céline Dion obbliga il protagonista a trascorrere pomeriggio e serata insieme al coetaneo nonostante gli interessi, i gusti, le abitudini e i pensieri dei due procedano su binari nettamente divergenti. Così, tra presunti furti di videogiochi, finte lotte e imprevisti con il WC, le ore di Beniamino assumono un aspetto davvero irresistibile, quantomeno agli occhi del lettore.

Con una sonora pernacchia al politically correct e alle amicizie che per forza alla fine di un libro si devono consolidare, Cuvellier trova il modo di raccontare una storia divertente senza rinunciare, tra una battuta e l’altra, a far fare capolino a temi importanti come il razzismo.


StampaStampa recensione

Accessibilità del volume


Descrizione del supporto

Formato: Piu piccolo di un A4
Forma delle pagine: Regolare
Presenza di dispositivi per aiutare a sfogliare le pagine: No
Presenza di elementi mobili: No
Presenza di elementi staccabili: No
Multimedia: No

Descrizione del contenuto

Complessità della storia: 3 su 5
Complessità della storia descrizione: Sviluppo perlopiù lineare. Pochi personaggi ben delineati e riconoscibili.

Descrizione del testo scritto

Presenza del testo: Si
Dimensione del carattere: Normale
Font: Minuscolo
Complessità del testo: 3 su 5
Complessità testo descrizione: Prevalenza di frasi semplici, coordinate o con poche subordinate. Testo che affatica meno la vista (paragrafi distanziati e non giustificati, sillabazione evitata). Lessico semplice, familiare e colloquiale. Font specifico per dislessia. Dialoghi molto frequenti e perlopiù non attribuiti esplicitamente.

Descrizione delle immagini

Presenza di immagini: Si
Colore: In bianco e nero
Tipo di immagini: visuali
Complessità delle immagini: 2 su 5
Complessità immagini descrizione: Immagini dal tratto ironico, in linea con un testo spiritoso. Accompagnano e spezzano i blocchi di testo rendendone più leggera la lettura.