La settima onda

Recensione Libro

Vincent Cuvellier è un autore francese dalla sensibilità rara e dalla penna arguta. Recentemente è stato pubblicato il suo La prima volta che sono nata, un delizioso libretto sulla magia delle tante prime esperienze che ciascuno di noi può fare. Solo qualche anno fa, invece, dai tipi di Biancoenero è uscita La settima onda: un racconto breve nella lunghezza ma ampio nel respiro.

Qui trova spazio la giornata speciale di Beniamino che, una mattina come tante, rimane addormentato sul pullmino della scuola. Per questo, a sorpresa, al posto delle ore in classe gli toccano ore di viaggio insieme all’autista Olga. Sì, proprio quell’autista che “puzza. È brutta. Ha un grosso naso”, stando alle parole del protagonista che aprono il volume. La stessa che si scopre però avere anche degli affetti, delle passioni, delle conoscenze e delle emozioni.

Questo è ciò che scopre Beniamino remando con lei in barca, sfidandola a flipper o accompagnandola a far visita al vecchio Leon. La gita di un giorno diventa così l’occasione di sperimentare sulla propria pelle l’importanza di dare una chance alle persone per conoscere le storie che nascondono sotto la superficie.

 


StampaStampa recensione

Accessibilità del volume


Descrizione del supporto

Formato: Piu piccolo di un A4
Forma delle pagine: Regolare
Presenza di dispositivi per aiutare a sfogliare le pagine: No
Presenza di elementi mobili: No
Presenza di elementi staccabili: No
Multimedia: No

Descrizione del contenuto

Complessità della storia: 3
Complessità della storia descrizione: Storia a sviluppo lineare. Pochi personaggi.

Descrizione del testo scritto

Presenza del testo: Si
Dimensione del carattere: Normale
Font: Minuscolo
Complessità del testo: 3
Complessità testo descrizione: Prevalenza di frasi semplici, coordinate o con poche subordinate. Testo che affatica meno la vista (paragrafi distanziati e non giustificati, sillabazione evitata). Lessico semplice e familiare. Font specifico per dislessia. Dialoghi perlopiù non attribuiti esplicitamente.
Lunghezza: 0

Descrizione delle immagini

Presenza di immagini: Si
Rapporto spaziale con il testo: Integrate nel testo
Colore: In bianco e nero
Complessità delle immagini: 3
Complessità immagini descrizione: Immagini dal tratto volutamente scarabocchiato, lontane dal realismo. Spezzano frequentemente i blocchi di testo rendendone più leggera la lettura. Sottolineano inoltre i toni un po' surreali del racconto.